.
Annunci online

Vivere la città di Potenza. Proposte, proteste e suggerimenti. La piazza virtuale dei potentini.
SOCIETA'
27 luglio 2013
Il giardino della creatività
 

Sono distanti fra di loro circa 300 metri, uno è stato realizzato in due giorni l’altro doveva essere inaugurato lo scorso 2 maggio.

Parliamo del clamoroso stop al cantiere per la costruzione del Parco Fluviale del Basento i cui lavori iniziati lo scorso anno si interruppero dopo pochi mesi di lavoro per la mancanza di un’autorizzazione, dopo quasi un anno, nella primavera di quest’anno, l’autorizzazione è arrivata ed il Comune annuncia la ripresa dei lavori, l’annuncio è rimasto tale e di operai lungo le sponde del Basento neanche l’ombra. Cantiere chiuso, anzi, utilizzato dai cittadini che hanno rimosso le protezioni per continuare ad utilizzare la pista loro sottratta per i lavori.

Ben altra storia quella scritta da un gruppo di volenterosi potentini che in due soli giorni di lavoro hanno regalato alla città uno spazio ove trascorrere un po’ di tempo libero.

Bisogna tornare indietro nel tempo, a settembre 2012, quando l’Associazione Basilicata 1799 e lo Studio WOP, che si occupa di architettura ed ingegneria, lanciarono l’idea di riqualificare l’area sottostante il ponte Musmeci per attirare l’attenzione sulle condizioni di degrado in quell’area organizzando una giornata di “pulizia”.

Quest’anno Basilicata 1799, Studio WOP a cui si unito il NUR, hanno fatto le cose in grande, hanno organizzato un workshop riservato a giovani professionisti (architetti, ingegneri, agronomi ecc) suddiviso in due fasi, la prima svoltasi il 25 e 26 giugno nel corso della quale una ventina di partecipanti hanno “progettato” la riqualificazione dell’area ed una seconda fase, svoltasi il 17 e 18 luglio, in cui un nutritissimo gruppo di giardinieri improvvisati hanno operato in una sorta di cantiere estemporaneo ed hanno creato il “giardino in movimento”.

Molto simpatica l’idea di diffondere, alcuni giorni prima di iniziare i lavori, nelle strade cittadine delle piantine interrate nelle “buatte” di latta, vivacemente colorate, che sono servite ad attirare l’attenzione sull’evento.

Con una spesa molto al di sotto dei mille euro è stato creato uno spazio verde che può essere utilizzato dalla cittadinanza ma è, soprattutto, una “provocazione” nei confronti delle istituzioni e di quella parte di popolazione, la maggioranza, che rimane estranea ed indifferente alle tante criticità di una città che sta agonizzando.

In due giorni oltre centinaio di volenterosi si sono alternati sotto il ponte Musmeci per “arredare” un lembo di terra che fino a qualche giorno prima era immerso nel degrado, si è costruito un “salottino” con tavole di legno, si è realizzato l’ingresso del giardino con una artistica struttura realizzata con le canne, è stato costruito un tappeto utilizzando decine di sacchi di caffè provenienti da tutte le parti del mondo, sono stati posizionati due cestini portarifiuti artisticamente verniciati, sono stati posizionati dei riquadri che rappresentano le cornici di quadri immaginari che contengono, al posto della tela, varie inquadrature dell’opera d’arte ideata da Sergio Musmeci, sottoposta a tutela dalla soprintendenza, e che noi “chiamiamo” ponte Musmeci. E’ sta fatta altresì la catalogazione di tutte le piante spontanee presenti nel “giardino” e sono state apposte delle etichette contenenti il codice QR che consente l’accesso ad una pagina web che spiega le caratteristiche della pianta; un giardino “didattico” che può essere utilizzato per l’educazione ambientale delle scolaresche.

La speranza che iniziative simili non restino isolate, in città ci sono altri cittadini che si stanno organizzando per sopperire alla latitanza della civica amministrazione per ripulire, curare, manutenzionare aree verdi cittadine, precursori sono stati un gruppo di abitanti di Montereale che hanno costituito l’Associazione Amici di Montereale che tutte le domeniche mattina opera nel parco.

(dal settimanale free press Controsenso del 12 luglio 2013)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. giardino in movimento

permalink | inviato da ViviPotenza il 27/7/2013 alle 8:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SOCIETA'
27 aprile 2013
Aree verdi in città, come siamo messi
 

Dal settimanale free press Controsenso del 27/04/2013

Sono bastate due settimane di bel tempo per scatenare la voglia dei potentini di frequentare le varie aree verdi attrezzate in città, i viali del Parco dell’Europa Unita si sono di nuovo affollati, oltre agli amanti della corsa libera mamme e papà con i passeggini e tanti ragazzini nell’area giochi o a correre sui prati, stessa cosa al Parco Elisa Claps a Macchia Romana dove lo spazio riservato ai giochi risulta sempre pieno, affollati pure i vialetti del Parco Baden Powell e della Villa di Santa Maria.

Ha perso l’appeal di una volta il Parco di Montereale nonostante vari interventi di restyling, per la seconda estate consecutiva rimarrà chiuso il dancing in quanto non si hanno notizie del bando per la gestione del locale e degli spazi adibiti a pista da ballo.

Pur se di dimensioni molto ridotte le aree verdi cittadine riescono a soddisfare solo parzialmente la voglia dei potentini di immedesimarsi con la natura, proprio negli ultimi giorni si sono ravvivati gli interessi per il grande Parco della Città che dovrebbe sorgere al posto della ex Cip Zoo, l’iniziativa del Comitato per il Parco di “offrire” alla politica il testo della legge che dovrebbe consentire alla Regione Basilicata di cedere gratuitamente al Comune i suoli, ha trovato sensibili 17 consiglieri regionali che sosterranno l’iniziativa e si spera che nel giro di un paio d’anni, dopo che la Regione avrà terminato la bonifica, il parco fortemente voluto dalle 12.000 persone che hanno sottoscritto una petizione, prenda forma.

Ma qual è la situazione in città per quanto riguarda le aree verdi?

A Montereale, in attesa di riattivare il bar del dancing si convive con i pericoli ed il degrado della struttura che sta andando in malora, mattonelle divelte, fili elettrici scoperti e struttura che cade a pezzi sono il biglietto da visita per chi frequenta Montereale. Nella Villa di S. Maria i frequentatori più assidui chiedono più manutenzione nell’area dei giochi. Nel Parco dell’Europa Unita le panchine sono decisamente poche. Il Parco Elisa Claps a Macchia Romana reclama l’attivazione di un posto per il ristoro, rimangono malinconicamente chiuse le due strutture in legno all’ingresso di via Giovanni XXIII e dentro il parco, si reclama più vigilanza per i molti episodi di vandalismi che hanno interessato le attrezzature, un vero e proprio accanimento da parte di bulli e vandali di quartiere. Sono quasi ultimati i lavori all’interno del Parco Baden Powell, dopo molte vicissitudini, fra cui il blocco dei lavori per colpa del Patto di stabilità, a breve la Provincia di Potenza consegnerà quella parte di parco oggetto di ammodernamento, il polmone verde nel popolatissimo quartiere di Verderuolo sarà, quindi, finalmente utilizzabile nella sua interezza.

Finalmente ripulite le aiuole di viale Dante, si spera che, dopo il taglio delle erbacce, compaiano di nuovo i fiori.

Poco frequentati, perché poco attrezzati, il Parco di Rossellino e quello di S.Antonio La Macchia.

Il civettuolo parco che per anni è stato il giardino privato del Prefetto, a due passi della centralissima piazza Mario Pagano, doveva già essere messo a disposizione dei potentini, l’Amministrazione Provinciale, che risulta proprietaria della Villa del Prefetto, aveva fatto eseguire la messa in sicurezza delle alberature e contava di ultimare i lavori di sistemazione dei vialetti entro questa primavera, durante l’esecuzione dei lavori di sistemazione delle piante è emerso che le radici di alcuni alberi avevano compromesso la stabilità di più tratti di muri per cui è stato necessario reperire ulteriori fondi per la messa in sicurezza, è già stato stipulato il contratto con la ditta che eseguirà i lavori, a giorni si apre il cantiere e prima della fine dell’estate, con molta probabilità, i potentini potranno tornare a frequentare i vialetti della Villa del Prefetto.

Ancora fermo, invece, il cantiere del Parco Fluviale del Basento, il 2 maggio si sarebbero dovuti concludere i lavori che avrebbero regalato alla città una lunga lingua di verde attrezzato sulle sponde del Basento ma a lavori iniziati ci si è accorti che mancava un’autorizzazione, chiuso il cantiere si è atteso molti mesi per una firma sull’autorizzazione, ottenuto il permesso circa un mese fa ed annunciata la ripresa dei lavori ancora non si vedono operai al lavoro. Nel frattempo i tanti frequentatori della pista costruita qualche anno fa hanno sfondato le reti che delimitavano l’area del cantiere e si sono riappropriati della pista.

SOCIETA'
27 aprile 2013
Aree verdi in città, come siamo messi



permalink | inviato da ViviPotenza il 27/4/2013 alle 20:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
aprile       

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

logo astronik

PUBBLICA UTILITA’ 

 
 

Vuoi segnalare un problema,

una criticità, un disservizio che

 riguarda la città di Potenza?

Non sai a chi rivolgerti?

Non vuoi esporti?

Dillo a ViviPotenza, ViviPotenza

si farà portavoce delle tue

segnalazioni

verso chi è tenuto a risolvere

il problema o a intervenire!

Manda una mail a vivipz@alice.it

o scrivi un commento sul blog di

Vivi-Potenza






S C R I V I C I
vivipz@alice.it

Il  contenuto di questo blog non è
da considerare testata giornalistica
ne un prodotto editoriale così come
indicato dalla Legge 62/2001.

L’aggiornamento avviene senza
alcuna periodicità, le foto sono
di proprietà dell’autore e possono
essere liberamente utilizzate.

La responsabilità per i commenti
sono di chi li inserisce ed in tutti i
casi verranno cancellati i

commenti ritenuti offensivi

per le persone.
Verranno altresì cancellate parole
oscene, bestemmie, o che fanno
riferimento alla pratica sessuale
.


PREVISIONI METEO:

 

 Previsioni Meteo Potenza